La seconda, al mondo, è la Borsa di Milano, che arriva dopo quella di Londra. INRIM ha progettato un sistema per stabilire, con una precisione che a molti potrà sembrare assolutamente esagerata, il momento esatto in cui una transazione finanziaria avviene. Vendere. Comprare. Invece l’esigenza di stabilire con grande accuratezza il momento di una vendita o di un acquisto – e da tempo ormai tutto avviene via computer viaggiando da Tokyo a Wall Street, passando dalle grandi borse europee – è fondamentale. Qui trovate una descrizione della proposta di INRIM per rispondere a questa esigenza.

Tuttavia la finanza negli ultimi anni ha un grosso problema: si chiama, in codice, HFT, High Frequency Transation, strategia di “gioco” sulle borse che non ha nulla a che fare con l’economia reale. Utilizzando computer super veloci e algoritmi sofisticati, milioni di azioni sono vendute e comprate migliaia di volte in un secondo, mirando a piccoli guadagni su ogni operazione, che diventano miliardi quando moltiplicati all’infinito.
E’ una attività che i governi di tutto il mondo e le istituzioni finanziarie stanno cercando di controllare e di regolamentare. Si tenga presente che l’HFT è un gioco, se così vogliamo chiamarlo, che crea danni notevoli all’economia normale. Ma non è facile produrre leggi che operino su questa vicenda.

Il laboratorio, all’INRIM, dove si lavora alla misurazione del tempo
Il laboratorio, all’INRIM dove si lavora alla misurazione del tempo

Nasce a questo punto una domanda: non si darà il caso che un importante avanzamento nella gestione delle transazioni borsistiche normali si traduca anche in un vantaggio per quelle HFT?
Nello sviluppo delle tecnologie è da sempre presente il rischio di un loro doppio volto. Quando fu inventata la ruota essa fu fondamentale per eliminare fatica nel lavoro degli umani e per ottenere grandi efficienze, ma essa fu subito impiegata per i carri da guerra, il cui avvento segnò una svolta determinante nella potenza degli eserciti.

Ebbene, in queste due interviste andate in onda nella trasmissione di scienza Moebius, a Radio 24, sentirete che le cose stanno diversamente nel caso del sistema di certificazione fornito da INRIM alla Borsa di Milano. Nell’intervista parlano Davide Calonico,  del Laboratorio per la distribuzione del segnale di tempo e frequenza tramite fibra ottica, di INRIM e Manuela Geranio, della Università Bocconi, dove svolge ricerche sulla finanza internazionale.